Efficienza energetica: in Gazzetta Ufficiale il Nuovo Conto Termico

Tra 90 giorni entrerà in vigore il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 51 del 2 marzo 2016 il DM 16 febbraio 2016 “Aggiornamento della disciplina per l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili”, che sostituisce il DM 28 dicembre 2012.

Gli incentivi a disposizione sono 900 milioni di euro annui, di cui 700 mil. per privati e imprese e 200 mil. per le amministrazioni pubbliche, le cooperative di abitanti o sociali e le società di patrimonio pubblico.
Gli incentivi, coprono generalmente il 40% dell’investimento, e salgono al 50% per gli interventi d’isolamento termico nelle zone climatiche E ed F. Quando all’isolamento viene aggiunto un nuovo impianto di climatizzazione invernale questo sale al 55% per ambedue gli interventi.
La trasformazione in “edificio a energia quasi zero” e la sostituzione degli impianti d’illuminazione con dispositivi più efficienti, da l’accesso ad un incentivo del 65%.
Il Decreto prevede inoltre una copertura delle spese per la redazione dell’Attestato di prestazione energetica (APE), e la diagnosi energetica per il 100% alle Pubbliche Amministrazioni e per il 50% ai privati.
L’erogazione degli incentivi avverrà dopo 90 giorni dalla presentazione della domanda.
Per gli importi fino a 5.000 euro, sia per i privati che per le amministrazioni pubbliche, l’incentivo verrà corrisposto in un’unica rata.
Sono state inoltre introdotte maggiori semplificazioni per la PA per prenotare l’incentivo e sono stati inclusi tra i beneficiari degli incentivi anche le cooperative sociali e le società di patrimonio pubblico.
Il provvedimento ha diviso gli operatori. Tra le criticità l’enorme ritardo nell’aggiornamento del Conto termico, la scarsa attenzione e l’inerzia da parte delle Pubbliche Amministrazioni che a fine 2014 avevano richiesto solo 4 mil. di incentivi rispetto ai 200 mil. di dotazione, e la limitazione dei privati all’accesso degli incentivi su molti degli interventi, rispetto a quelli definiti per la Pubblica Amministrazione.

Saluti dal team di JPE2010

Leave A Comment