GSE: quarto rinvio per le nomine del nuovo CdA

Nel nostro post del 21 luglio “Rinnovo CdA del GSE – Nomine Pubbliche ed il Governo del Cambiamento”, annunciavamo dopo il primo rinvio del 12 luglio l’assemblea del Gse (Gestore dei servizi energetici) – che amministra 16 Miliardi di Euro all’anno di incentivi alle rinnovabili e all’efficienza energetica col ruolo cruciale del futuro energetico italiano – avrebbe dovuto fare i nomi del nuovo management nell’assemblea del 26 luglio, ma grazie ai veti politici, la stessa era stata aggiornata al 2 di agosto, successivamente al 9 di agosto (ieri), e nuovamente rinviata al 12 settembre.

Siamo al quarto rinvio. Complimenti.

In attese del “fatidico” cambio del Management, cosa è accaduto negli ultimi tre anni ?

Un clima di totale incertezza e sfiducia sui Certificati Bianchi e/o TEE (principale meccanismo di incentivazione dell’Efficienza Energetica), da indurre moltissimi operatori quali le ESCo, e le Imprese, a rinunciare agli stessi e a ridurre gli investimenti, dovuto: all’assoluto silenzio del Ministero per lo Sviluppo Economico, (gestione Calenda), aggiunto alle novità introdotte dal DM 11 gennaio 2017 (eliminazione del tau, allungamento delle procedure per ottenere i TEE, aumento dei costi di generazione dei TEE), nonché la discrezionalità del GSE nell’interpretazione di norme stabilite dalla Stato, che hanno depresso l’offerta dei Certificati Bianchi sul mercato, importantissimi ai fini del raggiungimento degli obiettivi europei.

Giova ricordare che il meccanismo dei TEE è fondamentale anche per gli ambiziosi obiettivi della SEN (Strategia Energetica Nazionale), voluta con D.M. dallo stesso Ministero dello Sviluppo Economico il 10 novembre 2017, ovvero il piano decennale per anticipare e gestire il cambiamento e lo Sviluppo del sistema energetico.

Molto coerente, complimenti.

Noi Imprese operatori del mercato della Green Economy, che speriamo in un cambio di passo in favore del clima, dell’ambiente e degli investimenti sostenibili; assistiamo impotenti “alle date e al balletto delle nomine”.

Non si può parlare di sviluppo, se dietro ad esso non ci sono uomini responsabili e saggi.

Saluti dal Team di JPE2010

Leave A Comment